SCOPRI LA NOSTRA FANTASTICA ISOLA!

 

Ischia

Ischia è un'isola vulcanica appartenente all'arcipelago

delle isole Flegree, della città metropolitana di

Napoli. Posta all'estremità settentrionale del golfo di

Napoli e a poca distanza dalle isole di Procida e

Vivara, nel mar Tirreno, è la maggiore delle Flegree.

Con i suoi 64.028 abitanti è la terza più popolosa isola

italiana, dopo Sicilia e Sardegna. Punto forte

dell'isola sono le acque termali, ben conosciute e

utilizzate fin dall'antichità. La sua natura  vulcanica

rende Ischia uno dei maggiori centri termali d'Europa.

Casamicciola Terme

Situata nella parte più settentrionale dell'isola

d'Ischia dispone di un porto misto commerciale e

turistico. Lpopolazione ha da sempre sfruttato le

sorgive termali di Casamicciola, rendendo famosa

 questa località per la qualità delle cure termali.

Lungo la costa ci sono tre spiagge equidistanziate, in

zona Fundera, 
Marina e Perrone. Da notare che nel

1926 il Presidente del Consiglio Provinciale, Salvatore

Girardi, fece costruire all'ingegnere Cav. Gioacchino

Luigi Mellucci la Litoranea Casamicciola – Lacco

Ameno, come ricorda una lapide nel versante di 

Casamicciola sotto l'ex pensione Morgera.

Lacco ameno

Grazie all'imprenditore Angelo Rizzoli (1889-1970) che

edificò il primo grande albergo a cinque stelle, Lacco

Ameno diventò intorno agli anni '50 e '60 del secolo

scorso, una meta frequentata e amata dal jet-set

internazionale,tra i tanti habitué di rilievo, spiccano i

reali inglesi i Duca di Windsor, gli attori Clark Gable,

Liz Taylor, e l’ultimo scià di Persia, Mohammad Reza

Pahlavi. Il Museo archeologico di Pithecusae ospita

l'importantissima Coppa di Nestore, il più antico

frammento poetico in lingua greca. Lacco Ameno è il

titolo di una canzone napoletana contenuta 

dell'album Accussì grande di Massimo Ranieri su testo

di Enzo Bonagura e musica di Renato Carosone.

 


Barano d'ischia

Tappa immancabile sull'isola è di certo il comune di

Barano Il cui nome lo si trova per la prima volta in

una lapide del 1374 che ricorda alcune opere 

del vescovo Bartolomeo Bussolaro, per altri deriva dal

latino “balneum” per le sorgenti che nel territorio

vennero conosciute ed apprezzate fin dagli antichi 

greci. Il litorale dei Maronti è il principale polo

turistico e termale dell’Isola: splendida baia naturale,

ricca di spiagge ed angoli suggestivi. E’ tra le più 

incantevoli baie d'Italia. Lunga circa 3 Km, si tuffa a 

dolce declivio nel mare, riparata da imponenti

colline. 

Forio d'Ischia

Forio ha subito nei secoli diverse invasioni da parte

dei Saraceni, di cui conserva marcati segni

nell'architettura locale. Negli anni cinquanta molti 

artisti di tutto il mondo si davano appuntamento in 

questo Comune, attratti dalla bellezza dei luoghi e 

dalla cordialità dei residenti. Lungo la costa sorgono 

molte torri di avvistamento e difesa, la più famosa di 

queste è il "Torrione". Il centro storico esercita un 

fascino particolare con i suoi palazzi nobiliari, le 

tipiche viuzze, gli atelier dei  pittori  locali, le

minuscole botteghe artigiane di ceramiche, le chiese

ricche di storia e di arte. Molto suggestiva è la famosa

chiesetta del Soccorso situata all'estremità di uno

splendido piazzale, piazzale Giovanni Paolo II in data

5 maggio 2002. È uno dei pochi posti al mondo dai

quali talvolta è possibile assistere  al fenomeno ottico

del raggio verde in concomitanza con il tramonto del

Sole. 

Serrara Fontana

Il comune di Serrara Fontana è così denominato dai

centri abitati di Serrara (capoluogo) e di Fontana,

lungo le pendici del monte Epomeo, a circa 360 m sul

livello del mare con un'economia prevalentemente 

agricola. Tuttavia il territorio comunale si compone 

anche di altre frazioni e località. La più rinomata è 

Sant'Angelo, piccolo borgo di pescatori: è tra i posti 

più belli ed affascinanti dell'isola ed è diventato un 

centro turistico di primo piano, quasi esclusivo. Non a

caso, la cosiddetta Torre di Sant'Angelo, un enorme 

masso tufaceo legato al resto dell'isola da un piccolo 

istmo, è oggi il simbolo dell'intero comune  montano.  

Il comune offre tante cose interessanti da vedere, 

com la chiesa parrocchiale di  S. Maria la Sacra,

costruita nel 1374, a S. Angelo la chiesetta di San 

Michele Arcangelo elevata a Parrocchia nel 1923, sul 

monte Epomeo l'eremo di San Nicola con annessa la 

chiesetta, entrambi scavati  nel tufo verde.

 
Chiama o chatta con noi